Alla scoperta di luoghi e tradizioni minori

Ci piace scoprire luoghi come un gruppo di amici che vogliono condividere e diffondere le loro conoscenze per sviluppando la cultura dei viaggi minori in genere, scoprendo le località, le tradizioni locali, le arti, i mestieri, i  prodotti tipici e l’enogastronomia meno noti.

Non c’è piu’ nulla da inventare o da scoprire, ma la differenza sta come…

SCOPRI CON NOI
ARTE E CULTURA
AMBIENTE E NATURA
CIBO E VINO
EVENTI SUGGERITI

GRANDI GIARDINI ITALIANI

Questo periodo ci ha insegnato ad avere occhi nuovi verso la natura, abbiamo cercato luoghi di grande serenità per sentirci meglio, per sentirci meno depressi

Ci sono giardini aperti in questo periodo che ci possono aiutare a rinfrancare lo spirito:

Villa Durazzo, a Santa Margherita Ligure, il parco è ad ingresso libero. La posizione è fantastica, il giardino offre un’ampia vista sul Golfo di Tigullio.

Villa Olmo, a Como: anche questo è ad entrata gratuita, all’interno Il Kilometro della conoscenza che unisce tre ville in un percorso panoramico. Un favoloso giardino all’inglese ed alberi di alto fusto, vi faranno dimenticare ogni preoccupazione!

I veronesi non possono non conoscere il Giardino Giusti, una vera chicca che si snoda tra un viale di cipressi che finisce in un belvedere da dove si gode uno dei piu’ suggestivi panorami di Verona ed un labirinto tra i piu’ antichi di Europa

Altri giardini vi aspettano: nell’attesa di andare a visitarli insieme..goditeli su www.grandigiardini.it


VINITALY 2021

NUOVO RINVIO PER VINITALY: LA 54ESIMA EDIZIONE DELLA FIERA VERONESE SI TERRÀ A GIUGNO 2021. 

Vinitaly si terrà a giugno

La 54esima edizione di Vinitaly si terrà dal 20 al 23 giugno 2021, insieme a Enolitech e Sol&Agrifood. Stavolta Veronafiere ha deciso di giocare d’anticipo e senza tergiversare ha annunciato le nuove date, frutto di un’attenta verifica con le istituzioni per avere previsioni attendibili sulla curva pandemica e di un sondaggio che ha coinvolto il mercato, con l’obiettivo di individuare un periodo in cui anche i buyer extra europei possano partecipare a più eventi internazionali.

vinitaly ev 768x512

https://bit.ly/39e4zC5

 

 

 


VAN GOGH ON LINE

VAN GOGH

Quattro puntate in diretta, sulla pagina Facebook e sul sito di LINEA D'OMBRA

, ogni lunedì di novembre, a partire dalla prima, il prossimo 9 novembre alle ore 21I racconti e le letture di Marco Goldin si intrecceranno con le musiche composte e suonate al pianoforte da Remo Anzovino.

Il titolo della prima serata è Van Gogh nei campi di grano.

La forza della natura e l’idea del tempo circolare. Protagoniste saranno soprattutto le lettere che Van Gogh inviò nella seconda metà di giugno del 1888 quando stava dipingendo i campi di grano nella pianura della Crau poco fuori Arles. Lettere indirizzate al fratello Theo, alla sorella Wil e a Émile Bernard. La serata verrà divisa in tre parti. Dapprincipio una introduzione di Marco Goldin sul tema, poi la parte centrale con le letture e la musica e la parte finale riservata alle risposte che Marco Goldin darà alle domande che gli verranno poste attraverso Facebook.

Le puntate successive sono previste nei lunedì seguenti di novembre (16, 23 e 30) e saranno dedicate rispettivamente agli amici di Van Gogh ad Arles, al tema della malinconia nella casa di cura di Saint-Rémy e alla fine del viaggio nella vita a Auvers. Non mancate di collegarvi intanto lunedì 9 novembre alle ore 21 sulla pagina Facebook e sul sito di Linea d’ombra con Marco Goldin e Remo Anzovino.


Treni Storici

    La Fondazione FS italiane custodisce e gestisce il grande Patrimonio storico delle Ferrovie italiane: mezzi, archivi, musei, linee ferroviarie un tempo sospese ed oggi recuperate ad una nuova vocazione turistica.

La Fondazione opera per valorizzare e consegnare integro alle generazioni future l'enorme Patrimonio storico e tecnico delle Ferrovie italiane, tassello significativo della storia nazionale. Suo scopo è testimoniare l’importanza dei treni come simbolo di progresso e unità nazionale e di stimolarne il recupero in chiave turistica, a vantaggio delle comunità e dei territori italiani.

Diverse sono le proposte per scoprire il territorio a bordo di queste meraviglie della tecnica…in Campania, in Emilia, in Sicilia, nel Lazio

In preparazione………… 


Van Gogh a Padova

Van ghogh evento a padava

 

Questa esposizione, forte di ben novanta opere, con vari musei prestatori e ovviamente al primo posto il Kröller-Müller Museum e poi il Van Gogh Museum, ha l’ambizione di inserire Van Gogh nel flusso del suo tempo, nella precisa relazione con altri artisti che per lui hanno contato.

Un’esposizione che dunque non si ferma a una visione esclusivamente monografica, ma presenta l’opera del grande artista olandese con tanti approfondimenti non così usuali da vedersi, e in questo modo colloca quell’opera meravigliosa entro non abituali confini. Dai due anni nelle miniere del Borinage in Belgio, al tempo nel Brabante olandese, fino agli anni francesi che la mostra indaga in modo approfondito.Padova, Centro San Gaetano

fino all'11 Aprile 2021

 

 

 

 


Raffaello a Rimini

Raffaello a Rimini. Il ritorno della Madonna Diotallevi

 
 
Madonna Diotallevi di Raffaello
 
 
 

Dal 17 ottobre Rimini sarà fra le città protagoniste delle celebrazioni nel cinquecentesimo avversario della morte di Raffaello con la mostra incentrata sulla Madonna Diotallevi, oggi a Berlino. Dopo 178 anni l’opera giovanile dell’Urbinate che porta il nome del suo ultimo proprietario privato, il marchese riminese Audiface Diotallevi, tornerà a Rimini, in prestito dai Musei Statali di Berlino fino al 10 gennaio 2021.

Un ritorno che permetterà una nuova contestualizzazione di questo capolavoro con un approccio originale, legato al territorio per la storia della collezione, e nel contempo focalizzato sulla formazione e sull’attività giovanile dell’Urbinate.

La splendida tavola del giovane Raffaello, infatti, oltre a consentire di ammirare un frutto ancora acerbo ma già carico di promesse della sua arte, si rivela un mezzo straordinario tramite il quale raccontare la Rimini dell’Ottocento, i suoi più eminenti personaggi, le collezioni che svelano una ricchezza artistica finora insospettata che apre idealmente all’Europa e poi al mondo. La storia del prezioso quadro, infatti, porta a Berlino a seguito dell’acquisto di Gustav Friedrich Waagen nel 1842, che lo ha proclamato come opera raffaellesca. Da allora dinnanzi alla Madonna Diotallevi si sono avvicendati i più grandi critici, da Passavant a Bode, da Cavalcaselle a Morelli, da Fischel a Venturi, da Berenson a Longhi, restituendo una serie di suggestioni e affascinanti letture. Altri dipinti della collezione, ammirata e ricordata da illustri viaggiatori, già attribuiti a Leonardo da Vinci, a Bellini, al Correggio, a Benvenuto Tisi da Garofalo, detto il Garofalo, sono oggi in prestigiosi musei internazionali.

A questi si aggiungono il Crocifisso di Giovanni da Rimini, donato da Adauto Diotallevi al museo cittadino nel 1936, e l’Incoronazione della Vergine di Giuliano da Rimini (meglio nota come polittico del duca di Norfolk) appartenuta allo stesso Audiface, che è stata restituita alla città nel 1998 grazie all’intervento della Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini. Tavole che, oggi al Museo della Città, rifletteranno i loro bagliori d’oro accanto alla Madonna di Raffaello nel percorso espositivo.

La cura della mostra è affidata a Giulio Zavatta, storico dell’arte dell’Università di Venezia, autore del recente volume sulla Madonna Diotallevi.

Lo studio riminese Cumo Mori Roversi architetti ha realizzato il progetto allestitivo che valorizza il capolavoro di Raffaello e assicura la maggiore sicurezza in relazione alle norme anti-Covid.

La mostra ospitata al Museo della Città “Luigi Tonini” (Rimini, via L. Tonini, 1) sarà aperta al pubblico dal 17 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021 e osserverà gli orari di apertura del Museo (da martedì a sabato 9.30-13.00 / 16.00-19.00; sabato domenica e festivi 10.00-19.00; lunedì non festivi chiuso). L'ingresso è a pagamento ed è richiesta la prenotazione. L’ingresso è consentito a gruppi di massimo 15 persone. 
Prenotazioni sul sito www.museicomunalirimini.it a iniziare da giovedì 15 ottobre.
Presentazione della mostra venerdì 16 ottobre ore 16.00 a cura  del curatore, Giulio Zavatta, mentre Costantino D’Orazio si soffermerà sulla figura dell’artista urbinate.

Catalogo di NFC Edizioni, a cura di Giulio Zavatta.

Info: 0541.793851  www.museicomunalirimini.it



We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.